Staff TraLeRighe

Brancadoro Emilio
Carolla Silvana
Faniello Domenico

Galliano Mauro

BukItaly

FESTIVAL DEL LIBRO - ESTATE 2020
DAL 6 AL 31 LUGLIO
logo-nuuuuz.com.jpg
logo-nuuuuz.com.jpg

BukSummer è organizzato da TraLeRighe

Logo2020.jpg

HOME

HOME

SCADENZA ISCRIZIONI 30 settembre 2020

1° Premio
Pubblicazione del libro con la Casa Editrice DAIMON EDIZIONI

Logo2020.jpg

1° Premio
Pubblicazione del libro con la Casa Editrice DAIMON EDIZIONI

I veli delle donne di Antonella la Frazia

Sinossi


Donne che si raccontano, donne trasparenti, senza voce, cresciute in fretta, donne senza pace e ancora donne usate o manipolatrici, eroine a loro modo o antieroine. E uomini, senza nome, senza identità, che spesso nascondono insicurezze e anaffettività, narcisi e possessivi, uomini padroni, che a volte celano, agli occhi del mondo, la loro vera faccia ed obbligano ad un silenzio straziante, uomini che si liberano dalla gabbia degli schemi e dei preconcetti ed amano. E di nuovo donne e i loro veli reali o dell’anima. Veli che oscurano, veli che opprimono, che imprigionano le loro vite. Vite diverse che s’incontrano e si rivelano, senza veli, con tutta l’amarezza del loro passato. Vite da nascondere, vite senza speranze, vite spezzate, a volte accettate a volte combattute, tra nostalgia e rancore. Vite che strappano veli e si rimettono in gioco e ricominciano … libere.



Biografia

Antonella La Frazia nasce a San Giovanni Rotondo (FG) il 20 settembre 1966, da dove presto si trasferisce per ragioni lavorative del padre. Si trova a frequentare la scuola elementare a Montella (AV). Già da allora si nota la sua propensione per la scrittura e la poesia in particolare, nei suoi primi semplici versi e nel suo abbozzo di romanzo, scritto all’età di circa dodici anni. Finite le scuole dell’obbligo si trasferisce nuovamente. Va a San Giorgio del Sannio (BN), dove vive tutt’ora. Frequenta le scuole superiori nella vicina Benevento. Durante questi anni continua a scrivere poesie e racconti, da leggere agli amici. A ventuno anni si sposa, ma a seguito della morte della sua prima figlia e di altri gravi dolori smette di scrivere, quasi dimenticandosene. Ricomincia a scrivere, dopo una dolorosa ricerca di sé. Nel 2016 pubblica la sua prima raccolta poetica “Donne vicoli e fuoco (Viaggio fra i vicoli dell’animo femminile) a cui segue nel maggio 2017 “E come la Fenice …” e nel luglio 2018 “Donne senza ali” in questo periodo raccoglie numerosi premi e le sue poesie vengono pubblicate in molte antologie.




10 visualizzazioni