Staff TraLeRighe

Brancadoro Emilio
Carolla Silvana
Faniello Domenico

Galliano Mauro

BukItaly

FESTIVAL DEL LIBRO - ESTATE 2020
DAL 6 AL 31 LUGLIO
logo-nuuuuz.com.jpg
logo-nuuuuz.com.jpg

BukSummer è organizzato da TraLeRighe

Logo2020.jpg

HOME

HOME

SCADENZA ISCRIZIONI 30 settembre 2020

1° Premio
Pubblicazione del libro con la Casa Editrice DAIMON EDIZIONI

Logo2020.jpg

1° Premio
Pubblicazione del libro con la Casa Editrice DAIMON EDIZIONI

Oniriche perversioni di Luciano Dal Pont

ONIRICHE PERVERSIONI

Il diario ritrovato di Serenella


Luciano Dal Pont


PROGETTO PAROLE – Collana Hot Room



Sinossi


Un sogno? Un’allucinazione? Forse un onirico paradosso?

Nel dubbio vaneggiante, nella visionaria irrealtà, la sola cosa certa è che questo è il diario segreto di una giovane, bella e all’apparenza ingenua servetta, Serenella, al servizio di una matura e austera nobildonna presso un antico castello.

In esso, Serenella descrive il morboso rapporto saffico che la lega alla sua Signora e Padrona, in un contesto di servilismo e di perversione assoluti nel quale è sempre pronta ad annullare sé stessa accettando e subendo ogni sorta d’indecenza e di oscenità, di umiliazione e di degradazione, senza alcun limite, al punto da ritenere giuste e sacrosante le reiterate e crudeli punizioni corporali cui la Padrona la sottopone quasi ogni giorno.

E proprio da tutto ciò, ella ne ricava un irrinunciabile, succube piacere.

Fino a quando…


Trama


La vicenda, a forte connotazione surreale, pare svolgersi al di fuori del tempo e dello spazio così come sono conosciuti, in una sorta di dimensione non ben definita che è soltanto una delle tante contemplate nell’ambito del Grande Disegno Cosmico.

In una dimora che ha le sembianze di un antico castello – ma antico rispetto a che cosa? Come esplicitato in un passo del libro – arroccato sulla cima di una montagna sempre immersa fra le nubi, una giovane e bella servetta, Serenella, al servizio di una matura e perversa nobildonna, a un certo punto decide di tenere un diario segreto sulle pagine del quale, soprattutto di notte o quando è sicura di non essere scoperta dalla Padrona, esterna tutti i suoi più intimi pensieri ma anche tutto ciò che connota la sua morbosa relazione proprio con la Signora che la domina e la sottomette alle proprie più ignobili e sconce depravazioni, non mancando di sottoporla quasi ogni giorno alle più dolorose e crudeli punizioni corporali attraverso le quali, tuttavia, lei trae un succube, masochistico piacere.

Non mancano tra le due donne anche momenti di puro sesso saffico, che però sono sempre susseguenti a pratiche ben più estreme.

La più grande preoccupazione di Serenella, tuttavia, alla quale è negato ogni diritto all’intimità e alla privacy, persino nei particolari momenti della giornata in cui quell’intimità è irrinunciabile per ogni essere umano, è quella di poter essere scoperta dalla Padrona mentre scrive sul diario, visto che la porta della sua stanzetta non può essere chiusa a chiave e che la stessa Padrona vi ha libero accesso in ogni momento del giorno e della notte. Perché ogni cosa che fa, o che vorrebbe fare, è subordinata al preventivo permesso della Signora, che invece resta all’oscuro di questo suo diletto.

E così, fra un castigo e un orgasmo, fra dolore e piacere, fra baci e carezze e colpi di frustino, e fra segreti a stento mantenuti e sensi di colpa, la storia continua…



Dati del libro


Titolo: Oniriche perversioni

Sottotitolo: Il diario ritrovato di Serenella

Autore: Luciano Dal Pont

Editore: Progetto Parole

Collana: Hot Room

Pagine: 98

Data di uscita: 15 febbraio 2019

Formati: Ebook e cartaceo

Codici ISBN: 1796981672 – 978-1796981674



Biografia dell’autore


Luciano Dal Pont è nato a Milano il 5 settembre 1956. Attualmente vive in provincia di Pavia.

Poliedrico e irrequieto avventuriero scavezzacollo un po’ folle e un po’ sognatore, corridore automobilistico e pilota d’aerei, personaggio trasgressivo e anticonformista, Luciano Dal Pont fa il suo esordio nella narrativa nel 2014 con Il comandante e la bambina, una dolce favola moderna a sfondo autobiografico, metaforica e surreale, inizialmente pubblicata da Edizioni La Gru.

Nel 2016 auto pubblica una prima versione dell’horror Arrivederci all'inferno. Una nuova versione di questo romanzo, riveduta, migliorata e ampliata, esce nel 2017 con Eroscultura Edizioni.

Sempre nel 2017, e ancora con Eroscultura Edizioni, pubblica Oltre la perdizione, un romanzo erotico in chiave BDSM.

Per un breve periodo collabora con alcuni blog in qualità di recensore.

Nel dicembre 2017 esce Il dubbio, un racconto di genere thriller erotico inserito nella raccolta di autori vari Due – Ombre d’animo e piacere, pubblicato da Progetto Parole, etichetta editoriale indipendente di cui è uno dei promotori, nella collana Il principe e la cacciatrice.

Del 2018 sono invece L’ultima stazione, romanzo breve di genere horror (Progetto Parole, collana Follia e paura), Satana buono (Progetto Parole, collana New Words) un trattato filosofico esistenziale che pone in risalto il libero arbitrio e l’autodeterminazione di cui ciascuno di noi è dotato e che ha il diritto di esercitare, e Sepoltura, un racconto horror inserito nella raccolta di autori vari Fenomeni – Il lamento delle tenebre (Progetto Parole, collana Follia e Paura). Del 2019 è invece Oniriche perversioni – Il diario ritrovato di Serenella (Progetto Parole, collana Hot Room) romanzo erotico breve a connotazione surreale.

Luciano Dal Pont è il direttore editoriale e capo editor di Progetto Parole, responsabile della valutazione delle opere pervenute e del relativo editing.








17 visualizzazioni