Staff TraLeRighe

Brancadoro Emilio
Carolla Silvana
Faniello Domenico

Galliano Mauro

BukItaly

FESTIVAL DEL LIBRO - ESTATE 2020
DAL 6 AL 31 LUGLIO
logo-nuuuuz.com.jpg
logo-nuuuuz.com.jpg

BukSummer è organizzato da TraLeRighe

Logo2020.jpg

HOME

HOME

SCADENZA ISCRIZIONI 30 settembre 2020

1° Premio
Pubblicazione del libro con la Casa Editrice DAIMON EDIZIONI

Logo2020.jpg

1° Premio
Pubblicazione del libro con la Casa Editrice DAIMON EDIZIONI

Un giorno per la memoria Anna Copertino

Questo progetto è nato per non dimenticare tutte le vittime innocenti di una criminalità bastarda che non guarda in faccia nessuno, neanche chi non c’entra nulla con loro. Il progetto del libro “Un giorno per la memoria” è stato ideato e curato dalla giornalista e scrittrice Anna Copertino ed è edito da Homo Scrivens.

Questo romanzo collettivo, raccoglie i racconti nati dalla sensibilità e dalla bravura di 28 tra giornalisti e scrittori a cui, ad ognuno di loro, è stata affidata la memoria di una vittima, e la loro visione della vittima. La dottoressa Copertino ha scelto personalmente i 28 scrittori coinvolti. Sono appunto 28 scrittori per raccontare 28 vittime innocenti di criminalità organizzata, uomini e donne uccisi senza motivo, del tutto estranei a fatti di criminalità, la loro unica colpa è stata quella di trovarsi al posto sbagliato e in situazioni sbagliate. Il dolore dei familiari delle vittime è talmente forte e sommerso dall’incredulità che ha necessitato un racconto vero e immediato  per far continuare a ricordare queste innocenti vittime. La necessità di “dare un senso” a questo dolore ha portato Anna Copertino a dare voce, dopo aver conosciuto i familiari di alcuni di loro, a dare memoria, a farne “un ricordo necessario” per ognuna di queste 28 vittime innocenti di criminalità.

Da questa esigenza è nato il progetto “Un giorno per la memoria”. La memoria è fondamentale per far continuare a vivere i familiari e perché essa è la cosa che più da fastidio ai criminali che hanno commesso tali omicidi. La memoria scuote le coscienze, rende il tessuto sociale vivo e presente, permette di reagire. Ecco perché il libro “Un giorno per la memoria” è assolutamente importante per far conoscere le storie di queste 28 vittime che hanno visto la loro vita spazzata via senza un motivo.



15 visualizzazioni