Staff TraLeRighe

Brancadoro Emilio
Carolla Silvana
Faniello Domenico

Galliano Mauro

BukItaly

FESTIVAL DEL LIBRO - ESTATE 2020
DAL 6 AL 31 LUGLIO
logo-nuuuuz.com.jpg
logo-nuuuuz.com.jpg

BukSummer è organizzato da TraLeRighe

Logo2020.jpg

HOME

HOME

SCADENZA ISCRIZIONI 30 settembre 2020

1° Premio
Pubblicazione del libro con la Casa Editrice DAIMON EDIZIONI

Logo2020.jpg

1° Premio
Pubblicazione del libro con la Casa Editrice DAIMON EDIZIONI

VELI di Maurizio J. Bruno

VELI

di Maurizio J. Bruno

Solfanelli Editore

ISBN: 978-88-7497-959-2

www.danaelibri.it/veli

Un giovane ingegnere dell’ESA, l’ente spaziale europeo, e una brillante storiografa impegnata in uno stage presso la Biblioteca Vaticana si incontrano nel traffico di una frenetica, ma sempre romantica Roma. Lui è indaffarato a mettere a punto i sistemi ambientali che garantiranno aria e acqua pulita a bordo dello SkyRider, la prima navetta con equipaggio umano destinata a raggiungere Marte, mentre lei è quotidianamente alle prese con la Roma del ’700 e con le malefatte compiute in quel periodo dalla Santa Inquisizione. Due mondi distanti e diversi tra loro come il giorno e la notte che vengono casualmente in contatto proprio alla vigilia di quello che si rivelerà, per entrambi e per motivi diversi, un momento cruciale delle loro vite. A spingerli l’uno verso l’altra, l’ombra di Raimondo di Sangro, settimo Principe di Sansevero, scienziato e alchimista, indiscusso dominatore dei salotti e delle corti della Napoli borbonica del 1700.

Saranno proprio gli studi di Sandra a condurre entrambi sulle tracce del poliedrico ed affascinante personaggio partenopeo e verso i luoghi che l’hanno visto protagonista. Alla ricerca del bandolo della matassa in un vero rompicapo giudiziario insabbiato fin dal 1751, la storiografa trascinerà anche Sergio nella famosa Cappella Sansevero, riportandolo in quella Napoli dove lui ha frequentato l’Università e in altri luoghi della sua Campania, proprio nei giorni in cui il ricercatore scopre che anche lui dovrà partire molto presto con lo SkyRider.

Quella partenza verso il pianeta rosso, fino a quel momento così lontana nel tempo e nello spazio, diventa improvvisamente un fatto imminente e personale che irrompe con decisione nella vita di Sergio, e indirettamente anche in quella di Sandra, che si sta rapidamente innamorando di lui. Una scelta irrinunciabile, comunque, quella di partire. Irrinunciabile per Sergio, per non sprecare l’occasione professionale della sua vita, e irrinunciabile per la stessa civiltà europea, per evitare che i Cinesi arrivino per primi su Marte e soffino così definitivamente all’occidente il primato industriale e tecnologico, e quindi la guida sociale e culturale del nostro pianeta, trasformando tutto il mondo in una gigantesca Pechino.

Ma prima di partire c’è ancora qualcosa da mettere a punto nel progetto della navetta europea, e le menti più brillanti del ventunesimo secolo non sono ancora riuscite a trovare una soluzione sufficientemente sicura ed efficace per questo problema. Possibile che la scienza illuministica di Raimondo di Sangro possa venir loro in contro in modo assolutamente inatteso?

In un vortice di avvenimenti, di colpi di scena e di audaci mascalzonate, i due ragazzi riusciranno ad unire le loro forze e a venire a capo di entrambe le faccende, spinti dall’irrefrenabile energia del loro nascente amore e dal loro indomito spirito di veri ricercatori.

Intorno a loro, decine di personaggi costruiti con tratti precisi e realistici, creano un universo palpabile e concreto che spinge inesorabilmente il lettore a calarsi completamente nella vicenda, fino a sentirsene parte attiva. Trascinato dalle effervescenti amiche con le quali Sandra condivide il suo appartamento romano, e coinvolto dal clima goliardico dei compagni di lavoro Sergio, il lettore si troverà infatti, ben presto, immerso anche lui nel mondo concreto e un po’ frenetico dei due ricercatori. E qui si imbatterà in tanti altri personaggi che resteranno a lungo impressi nella sua mente, come l’affascinante figura dell’anziano dottor Fulcroy, inaffondabile trascinatore del progetto SkyRider che, in barba ai suoi oltre settant’anni, riesce facilmente a tener testa ai suoi capisettore, di gran lunga più giovani di lui.

VELI è quindi un romanzo che trascina per l’avvincente intreccio delle sue storie dense di misteri e di azione, di passato e di futuro, di scienza e di storia, ma che, in fondo, non fa altro che raccontarci la storia di due giovani dei nostri giorni, ricordandoci, a suo modo, che la coppia perfetta non è quella formata da due persone dai caratteri molto simili ma, al contrario, proprio quella in cui due persone, due mondi, due caratteri totalmente diversi, riescono a fondersi e a capire che la propria ricchezza è nascosta proprio nella possibilità di mettere a fattor comune, quelle esperienze e quei due modi di affrontare i problemi e le difficoltà della vita così tanto distanti tra loro.

Perché tanto alla fine, per dirla con Sandra, le cose vanno sempre come devono andare…

-------------------------------------------------------------------------

Maurizio J. Bruno è nato a Pinerolo [TO] nel 1964 ma è cresciuto a Nocera Inferiore, in provincia di Salerno. Nel 1991 si è laureato in ingegneria elettronica all’università di Napoli e, dopo 15 anni da progettista elettronico in Olivetti, oggi vive e lavora a Rieti, come manager nell’area R&D di un’importante azienda di prodotti elettromeccanici.

Ideatore e gestore del sito internet Il Rifugio degli Esordienti [www.danaelibri.it/rifugio], storico e indiscusso punto di riferimento per tutti gli scrittori esordienti italiani, e Presidente dell’Associazione DANAE [www.danaelibri.it], che si interessa di promozione e di libri di Autori non ancora famosi, Maurizio J. Bruno scrive anche per alcune riviste letterarie.

Tra i suoi libri, ricordiamo Il thriller tecnologico RALF, l’avventura spaziale e introspettiva EDEN , l’affascinante intreccio di tecnologia ed esoterismo del romanzo d’azione VELI, e il vademecum per scrittori esordienti IL FILO D’INCHIOSTRO, scritto a quattro mani con la professoressa Piera Rossotti Pogliano.


16 visualizzazioni